Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

giovedì 28 agosto 2014

Direzione infruttino


Abbiamo fiducia nelle iniziative straordinarie della BCE di Mario Draghi. Riteniamo utili le iniziative europee per allentare l'austerità, come le iniziative del bravo Gianni Pittella. Appoggiamo le riforme di Renzi, che nel medio-lungo termine faranno senz'altro diminuire le spese e quindi anche le tasse.
Tuttavia, in questi ultimi giorni di agosto, la novità più promettente ci è arrivata attraverso una trasmissione di archivio di Radio Radicale. Si tratta dello studio di una possibile emissione, da parte della repubblica, di «certificati di credito di imposta», secondo un'intelligente proposta dell'on. Girolamo Pisano (Cinque Stelle).
E' una proposta che va nella direzione di quanto sostengono politici come Michele Emiliano, o di quanto hanno scritto Marco Cattaneo e Giovanni Zibordi nel loro libro «La soluzione per l'euro - 200 miliardi per rimettere in moto l'economia italiana» (Ed. Hoepli).
Queste proposte si situano nello stesso filone che, si parva licet, abbiamo deciso di sostenere in questo blog e nei nostri studi di geopolitica.
In estrema sintesi: l'Euro va bene, ma non basta; per fare giustizia sociale, per rafforzare l'economia locale di ciascun territorio, occorre creare strumenti locali di scambio.
Aggiuntivi, non sostitutivi delle valute forti, convertibili, internazionali, come l'Euro.
Per la repubblica italiana nel suo insieme servono infruttini e altri strumenti per creare liquidità senza aumentare il peso degli interessi sul debito pubblico.
Per i diversi territori vorremmo che si osasse ancora di più, che si arrivasse a creare modalità innovative per consentire lo scambio diretto di lavoro, beni e servizi, fra imprese e famiglie locali.
Questo discorso è, ovviamente, solo l'inizio di un cammino.
Non di un dibattito, ma di un processo di cambiamento.

lunedì 25 agosto 2014

The Western Liberal Leviathan needs a lesson

We believe we must help those who fight against ISIS, but another Western direct intervention in Iraq is neither necessary nor useful. Rather we agree that the Western liberal Leviathan needs a lesson in humility, and realism. Scotland might give it, on September 18. Meanwhile, please, Western mainstream leaders - we agree with Emile Simpson - do not give ISIS the generalized war it seeks.

PS:
Yes, as some people early understood, Scotland Yes may mean No to another #WestminsterWar.
 

giovedì 21 agosto 2014

Help our neighbor




I am a supporter of Kurdish self-government since I was a boy. For thirty years, I have expected a Western leader blessing and helping Kurdish self-rule. Looking at this picture, Italian prime minister Matteo Renzi with president Masoud Barzani, I feel more confident, in these hard times, in this hard world.
Some caveats: I do not believe in so-called humanitarian interventionism; I do not believe in American bombing; I do not want America back in Iraq, where it has already made enough mistakes.
Rather I believe in an old evangelical motto: love thy neighbor.

This has a geopolitical meaning: help those who are closethose who can do something really good, because they are on the ground, with greater competence, with a direct interest in solving local problems.
Helping Christian and Yazidi refugees is necessary. The Kurdish Regional Government in north Iraq may do something about. Then, let us help this accountable and solid entity.Resisting ISIS (aka ISIL, aka alleged Caliphate) is also necessary, but we must also remember that this cruel organization is also a consequence of American, Western intervention in the area. It developed also thanks to American, Western geopolitical overreach.
So, now, anti-ISIS resistance must be lead by Kurds, Syrians, Iraqi Arabs, Jordanians.
Let us help them, yes, but, for once, without Western hubris.

mercoledì 20 agosto 2014

Tregua, tregua, tregua

Mi sono esposto più volte, su questo mio blog, dicendo che la tregua fra Hamas e Israele non può essere lontana.
Di fronte a un'altra tregua rotta, dovrei sentirmi demoralizzato.
Certamente sono addolorato, come persona, ma come studioso devo ribadirlo: non ci sono le basi finanziarie, organizzative, logistiche, materiali, per una lunga guerra di Hamas contro Israele.
Questa guerra - come altre - quindi, per fortuna, non può durare.
Cosa possiamo fare, però, per affrettarne la fine?
Continuare a esigere, con chiarezza morale, che il lancio di missili su Israele deve cessare, per sempre.
Continuare a domandarsi perché l'assistenzialismo internazionale ai Palestinesi di Gaza si trasforma in missili e tunnel.Continuare a chiedere a Israele di moderare e circoscrivere la sua reazione.
Continuare a sostenere il progetto di una Gaza smilitarizzata, dove si possano eleggere nuove autorità civili per un effettivo autogoverno, dove però la sicurezza sia garantita da un corpo internazionale, che riscuota la fiducia dell'Egitto e di Israele.
Continuare a cercare di dire la verità, combattendo la pigrizia mentale, le menzogne, le crudeltà.

lunedì 18 agosto 2014

One month to go, to be free


In a month, the Scottish people will have a once-in-a-lifetime opportunity to establish an independent Scotland. The country will become something like New Zealand, or Isle of Man. One of the oldest English colony may chose a full self-government.
A poll released yesterday shows a two point swing.
The status quo is strong, but the certainty that a Scotland might be a fairer country than United Kingdom is under Westminster, may reveal to be stronger.
Let us see, with respect and love for freedom.


lunedì 11 agosto 2014

Settantesimo della liberazione della Toscana

I settant'anni dalla liberazione di Firenze e il settantesimo anniversario dell'eccidio di S.Anna di Stazzema sono due poli estremi della memoria storica della nostra terra. Ci riportano al terribile passaggio del fronte sulla nostra terra, alla sofferenza delle vittime, alla speranza in una nuova forma di autogoverno, incarnata dal Comitato Toscano di Liberazione Nazionale. Tanto di ciò che amiamo della Toscana in cui viviamo è stato forgiato in quel drammatico 1944. Cerchiamo di essere interpreti degni, cioè critici, attivamente impegnati verso i nostri ideali di sempre, senso civico, giustizia sociale e, soprattutto, libertà.

domenica 10 agosto 2014

A settembre, torneremo alle basi?

Grazie a Il Tirreno per l'ospitalità data al mio articolo sulla novella dello stento della politica toscana dell'ultimo lustro: la riforma della legge elettorale toscana.
Trovate il mio intervento a pagina 17, sulla pagina aperta alle opinioni.
Contiene un appello a tornare ad ancorarsi ai principi, ai fondamentali, alle basi di una sana competizione politica in piccoli collegi. Non abbandoniamo l'esperienza delle primarie istituzionalizzate e, nel disegno delle circoscrizioni, occorre separare Livorno da Piombino, Pisa da Pontedera, Empoli e il Mugello da Firenze.


* * *

A distanza di qualche settimana dalla pubblicazione sul Tirreno, offriamo qui il testo integrale di questo nostro intervento (NdA, 4/9/2014):



Lo stento elettorale toscano


di Mauro Vaiani*


Nel consiglio regionale toscano è stato finalmente depositato un testo di riforma delle legge elettorale toscana. E' il frutto di quattro lunghi anni di lotte intestine, che non sono ancora terminate, e di solenni promesse di fare presto, mentre in realtà siamo già molto oltre il tempo massimo. Nessuna comunità civile, secondo le norme europee (Commissione di Venezia, 2003; Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, 2012), dovrebbe votare a settembre 2014 la legge elettorale che si userà a marzo 2015.
Perché i legislatori toscani sono così in ritardo? Perché i partiti, a cominciare dal più grande e più responsabile, il PD, sono ancora così divisi e non certo su questioni di dettaglio?
A parere di chi scrive, questa novella dello stento è il risultato di aver ignorato la tradizione secolare dei collegi uninominali; di aver disprezzato, con arroganza e presunzione, decenni di studi sui disastri delle preferenze; di aver vigliaccamente abbandonato un decennio di originale spirito riformatore toscano, quello che ha portato la nostra regione – prima in Italia e non solo – a sperimentare le primarie istituzionalizzate.
Non solo i leader di questa legislatura si sono mostrati gracili sui principi e deboli sulla materia, ma hanno anche rivelato una drammatica “dipendenza” della politica toscana dall'andamento delle lotte di successione e di potere che si sono scatenate – non solo fra i politici, ma anche fra i tecnocrati e i burocrati – ai vertici della repubblica. Non si è più capaci di muover foglia, a Firenze, che Roma (o Bruxelles) non voglia.
A questo punto, sia chiaro, non ci auguriamo certo un nulla di fatto. Se i collegi – anche le circoscrizioni di Pisa e di Livorno, non solo quella di Firenze - saranno ulteriormente rimpiccioliti, il voto facilitato ai candidati si avvicinerà molto al rapporto diretto fra elettori ed eletti che è uno dei principali meriti del sistema uninominale. Le soglie di accesso devono restare alte, per far entrare in consiglio regionale delle squadre, non dei capi-fazione solitari. E le primarie istituzionalizzate devono restare, perché leader e candidati vanno scelti prima delle elezioni, non durante. Questo se davvero si vuole un processo democratico salutare e non una lotta fratricida e clientelare, come quella che ha distrutto la vita pubblica in Lombardia, Lazio, Sicilia: quella combattuta a suon di milioni di euro, fra oscuri signori delle preferenze, invece che fra progetti politici.


* (studioso, attivista civico-liberale, blogger di http://diversotoscana.blogspot.it/ )


mercoledì 6 agosto 2014

La tregua tiene

La tregua a Gaza sembra tenere.
La guerra - orribile, orribile, orribile - per il momento è stata fermata.
Che Abramo accolga nel suo seno le tante vittime di questa scellerata guerra scatenata - per l'ennesima volta - dall'avventurismo sanguinario di Hamas.
Segnalo un ottimo articolo della mia amica Fiamma Nirenstein.
Ora è il tempo che tutte le energie delle persone di buona volontà si uniscano attorno ad obiettivi seri, di lungo termine: il disarmo e la neutralizzazione di Gaza; una nuova amministrazione di autogoverno per Gaza, in nuove elezioni sotto sorveglianza internazionale, per verificare se davvero Hamas ha ancora il consenso dei cittadini di Gaza; apertura del territorio, con restituzione di spazi, anche aerei e marini; aiuti diretti alla popolazione civile, agli imprenditori, alle scuole, agli ospedali - NON ALLE BUROCRAZIE E NON ALLE MILIZIE DI HAMAS.
Io ripeto il mio mantra: meno ipocrisia, meno buonismo, meno soldi ad Hamas, uguale più speranze di pace.

lunedì 4 agosto 2014

Riposiamoci, perché sarà dura

Finalmente in vacanza.
Riposiamoci, perché le cose non stanno andando per niente bene e alla ripresa di fine agosto, ci aspettano ancora tanti sacrifici.
Anche il 2014-2015 sarà duro, durissimo.
Come dice il mio direttore in comune a Firenze, che ha una qualche consuetudine con i dati statistici e con la storia economica, non usciremo presto dalla crisi. Mancano, direbbe lui, i fondamentali. Ci sono dei dati demografici, geografici e sociali, che sono segnati da tendenze di lungo termine. Anche se fossero modificate, non vedremmo conseguenze positive a breve.
Tanti pensano che con un po' di investimenti, con qualche opera pubblica, con una "politica industriale", potremmo rimettere in moto l'economia.Si sbagliano, temo.
Quelli che pensano ancora in questi termini hanno la testa pericolosamente immersa nel passato - un po' come quei politici che sognano il ritorno delle preferenze, per intendersi.
Il paese invecchia e la natalità continuerà a declinare. E se anche, finalmente, si abbassassero le tasse sul lavoro e sulla vita familiare, il cambiamento richiederebbe una generazione.
Il territorio è al collasso, stretto fra eccessi di cementificazione e di abbandono. E mancano ancora troppi ingredienti - risorse umane, competenze tecniche, libertà spirituale, un cambiamento profondo dei ceti politici locali - per scatenare un circolo virtuoso di rilancio della custodia del creato, di bioedilizia, di ristrutturazioni.
La repubblica è in pieno disfacimento nelle sue strutture burocratiche. E se gli sforzi giganteschi di Renzi avessero successo, la conseguenza immediata sarebbe quella di diminuire, non certo aumentare i posti di lavoro.
La massa dei debiti pubblici è un peso storico insopportabile. E se anche riuscissimo a impostare una politica di default morbido e controllato, anche in questo caso le conseguenze immediate non potrebbero che essere recessive.
Con questo, sia chiaro, non mi iscrivo al partito del tanto peggio, tanto meglio.
Più che un gufo, mi sento una civetta.
Credo nelle riforme e sostengo i riformatori, Renzi in primis.
Spero ancora, a cinquant'anni ormai suonati, che possiamo e dobbiamo riuscire a vivere più sani, più sicuri, più liberi, più ricchi, nell'autogoverno toscano, in una repubblica federale italiana ed europea, in pace nel Mediterraneo, in una alleanza atlantica rinnovata, in un mondo più unito attorno ai diritti universali della persona umana.
Sarà dura, ma sento che ce la faremo.

domenica 3 agosto 2014

Sostiene Panebianco

La maggior parte degli argomenti con cui da anni lottiamo contro le preferenze, sono sintetizzati in un ottimo editoriale di Angelo Panebianco sul Corriere di domenica 3 agosto 2014. Gliene siamo grati e speriamo che la sua voce arrivi più forte e più lontano della nostra.

venerdì 1 agosto 2014

Rimandati a settembre

Brutte notizie dal parlamento toscano.
L'istituto del portavoce dell'opposizione è stato indebolito.
Una scelta sbagliata, che avrà conseguenze negative, come prevedevamo - si parva licet - in un nostro studio del 2010.
E, come era facile da prevedersi, la legge elettorale toscana è stata rimandata a settembre.
Spero ancora che siano mantenute le primarie, che le circoscrizioni siano rimpicciolite, che sia scoraggiata la moltiplicazione delle fazioni.
Le ragioni di questo declino politico?

Ho scritto qualcosa in proposito, stavolta a Il Tirreno.
Spero di trovare ascolto.




Post più popolari di sempre