Uno diverso in Toscana, che crede, in questa nostra madreterra, in questa fugace vita, in qualcosa di diverso.

venerdì 21 dicembre 2001

Il millenario di Ugo di Toscana


venerdì 21 dicembre 2001
Il millenario di Ugo di Toscana
Tre interventi di Mauro Aurigi, Romano Redini e Mauro Vaiani, estratti dalla mailing list di Toscana Libertaria, nei giorni successivi al millenario di Ugo di Toscana, celebrato nella Badia Fiorentina il 21 dicembre 2001

Ugo di Toscana:
un'icona libertaria,
un'eredità spirituale

Da: Mauro Vaiani [mauro@sp.unipi.it]
Inviato: giovedì 27 dicembre 2001 16.32
A: 'Toscana Libertaria'
Oggetto:
Ugo di Toscana: una figura leggendaria;
una icona di valori perenni;
uno stimolo filosofico-politico per i libertari


Salve e auguri a tutti.

Mauro Aurigi di Siena ha voluto "pungere" alcuni Toscani ed esponenti di  gruppi impegnati per l'autonomia della Toscana al riguardo delle celebrazioni della morte di Ugo di Toscana.

Romano Redini di Lucca ha mandato una risposta ricca di spunti, che lascio allegata a queste mie righe. Mi sento di aggiungere un piccolo contributo personale, in tre punti.

Primo, la celebrazione di Ugo di Toscana e del suo millenario è di per se un fatto emozionante, perche Ugo di Toscana è una figura leggendaria che esercita un fascino che non può essere stato fondato su altro che grandi doni spirituali e uno straordinario carisma personale. Alcuni ipotizzano
addirittura che la leggenda di Ugo sia tanto viva, presente e affascinante, perché in essa si sono confusi i buoni ricordi lasciati forse non dal solo Ugo, ma senz'altro da sua madre, da altri membri della sua famiglia e della sua amministrazione e forse da un altro Ugo, anch'egli buon amministratore delle terre di Toscana. Date una lettura al sito http://www.ugoditoscana.it  e troverete qualche spunto in proposito.

Secondo, Ugo di Toscana è una icona di valori spirituali perenni, che ci riguardano come esseri umani, prima ancora che come Toscani cristiani, ebrei o laici. Da capo politico e militare, Ugo ha testimoniato valori di attaccamento, coscienza e onore, esattamente come, nel suo tempo, hanno
fatto artigiani fiorentini, monaci camaldolesi, marinai pisani, mercanti ebrei e agronomi arabi. Nessuno di questi uomini e donne credeva di essere perfetto o migliore, ma ciascuno di essi, avendo vissuto con gioia ed energia la propria irripetibile vita, è un esempio da ammirare. Alla Badia
Fiorentina, ogni anno, il 21 dicembre, si prega, si ricorda, si riflette. Ci si inchina a questi valori perenni, non a un padrone. Del resto gli uomini che si inchinano ai valori e alle tradizioni, sono esattamente quelli che meno si inchinano ai potenti di turno e di oggi, come dimostra
in modo particolarmente efficace la storia della Toscana e, scusate se oso, la nostra storia personale di libertari e autonomisti.

Terzo, la politica di Ugo di Toscana, sia la sua personale (per il poco che ne sappiamo), sia quella degli Ottoni e del loro tempo, deve almeno incuriosire chi abbia una qualche aspirazione libertaria e autonomista. Redini ricorda che è una politica che viene all'alba delle libertà comunali. Io vorrei aggiungere che è una politica temperata e moderata, che lascia vivere le persone e le comunità locali relativamente al riparo da arbitrii e guerre, che ha permesso un grande pluralismo istituzionale e politico e la nascita delle libertà dei borghi e delle arti, che ha lasciato arricchire senza eccessi di tassazione, che ha impedito guerre che non fossero brevi, simboliche e combattute da pochi professionisti.

La marcia degli stati nascenti verso il potere moderno, quella che è culminata nel totalitarismo e nella massificazione moderna (e nel servilismo di massa, magari giustificato dai grandi ideali nazionalisti, giacobini, fascisti e comunisti), inizia più tardi e non c'entra nulla con l'Europa e con la Toscana di Ugo.

I momenti di lotta (e di equilibrio, che sono stati parecchio più lunghi delle lotte) fra libertà comunali e autorità imperiali e papali li possiamo e li dobbiamo ricordare e studiare con orgoglio e con umiltà, con energia e pazienza. Quando finisce questa età di equilibrio e di lotte fra impero, papato e comuni, inizia infatti la storia dello statalismo, che ha come epilogo il totalitarismo. Quindi, per noi che vogliamo lo svuotamento dello stato e siamo geneticamente antitotalitari, è essenziale comprendere, e forse amare, l'Europa e l'Occidente come erano prima dell'avvento degli stati, come erano al tempo, per esempio, del nostro Ugo di Toscana.

Mauro Vaiani, Prato
 

-----Messaggio originale-----
Da: rredini@netscape.net [SMTP:rredini@netscape.net]
Inviato: giovedi 27 dicembre 2001 2.21
A: aurigi@libero.it
Oggetto:
Non mi pare lecito porre sullo stesso piano
Ugo Salico Marchese di Toscana e i Medici

Agli amici toscani

Mauro Aurigi ha scritto il 23-12-01: "Quello che volevo sottolineare è che dopo 4 o 5 secoli di libertà comunale "i Fiorentini disdegnavano fare reverentia a qualunche ed erano tanto alieni da' modi della corte che io credo pochi altri". Che dire dei Fiorentini, anzi dei Toscani che oggi fanno la "reverentia" a Ugo di Toscana?".

Non mi pare lecito porre sullo stesso piano Ugo Salico Marchese di Toscana e i Medici.
 
A parte i 5 secoli e mezzo che li separano, direi che stanno agli antipodi: il primo all' alba delle libertà comunali e al tramonto del feudalesimo in Toscana, il secondo all'alba della tirannide signorile e al tramonto delle libertà comunali in Toscana. Col primo nascono, col secondo muoiono, le libertà.

Il primo, che ci vien descritto come più diplomatico che guerriero, pur venendo dal feudalesimo ci appare modernizzatore di quel regime instaurato da papa Leone III e da Carlo Magno, e preparatore, magari inconsapevole, di quei movimenti centrifughi e libertari che porteranno, per es., i Lucchesi
a combattere senza tanti complimenti i residui del regime feudale e ad abolire ogni titolo cosiddetto nobiliare.
 
I secondi per contro li troviamo a percorrere un cammino inverso, dalla libertà alla tirannide. Dediti ai più sottili e atroci inganni, devastati da una sete orgiastica di potere, non hanno mai avuto il minimo scrupolo di usare qualsiasi arma, compresa la Cattedra di S. Pietro, per il raggiungimento dei propri fini. Via via leccapiedi e aguzzini, corruttori e macellai (i Senesi e i Pisani conservano ancora la memoria di questa versione), han trovato limiti alla loro boria solo nella maggior forza o nella sagacia dei vicini.
 
Ma, tornando a Ugo, non furono i Lucchesi e i Pisani che presero le armi, e per più volte, contro quella Matilde che li voleva ricondurre a far la "reverentia"? E gli stessi, quali cittadini di capitali marchionali, non avevano sentito più forte e più pesante e più pressante il peso dell'imperio? Diavolo, il padrone ce l' avevano in casa! Eppure furono i primi ad affrancarsi e i primi a sostenere con le armi una scelta di libertà; una scelta, ricordiamolo, che da 1500 anni, dal tempo delle citta greche, mancava alla storia del mondo. E' in questo tempo che in Toscana nasce e si sviluppa quel nuovo sentire e operare, e parlare, che costituiranno le basi della civiltà moderna. La Svizzera verrà duecento anni dopo. Merito di Ugo? Non lo so... Per certo bisogna ammettere che Ugo non deve avere operato in senso opposto, stando a quel che si è vociferato di lui e stando agli avvenimenti che sono seguiti alla sua morte. Sembra che il tempo ne abbia addirittura migliorato la memoria, e, si sa, il tempo è galantuomo.
 
Nel pratico, è un fatto che nel nome di Ugo e della sua insegna (tre pali d' argento in campo di rosso) possiamo riconoscerci e ritrovarci tutti toscani, risvolto questo non trascurabile proprio perché a monte dei movimenti centrifughi comunali, e che ci viene a pallino in questi tempi in
cui vogliamo perorare la causa toscana, in una comunanza tutta da definire, da delimitare, da precisare quanto si vuole, ma pur sempre una comunanza su cui basare la ricostituzione della Nazione Toscana (il limite cui tendere).
 
Ergo, nessuna "reverentia" a Ugo, ma semplice riconoscimento all' opera sua di feudatario, che non solo non ha soffocato nessuna libertà peraltro ancora inesistente, ma nemmeno ha ostacolato la germinazione e la maturazione di tale libertà. In ogni caso la figura del "Principe" tiranno
preconizzata dal Machiavelli (che ricordiamo sotto le mura di Pisa a distruggerne la libertà nel 1509) non s' attaglia davvero a Ugo, onestamente ligio al proprio dovere di feudatario e di margravio, ma semmai a quel Cosimo de' Medici molto più somigliante al Valentino di machiavellica memoria. Nessuna "reverentia" dunque ma, semmai, tentativo di appropriarci di una memoria toscanissima che può portare acqua al mulino della Nazione Toscana da contrapporre (o da affiancare) mediante
secessione, al consesso delle Nazioni. Ma questo è un altro discorso, che peraltro risulterebbe meno indigesto e più accettabile se "il liberalismo, inteso come quel nucleo del pensiero politico di tradizione occidentale che è precipuamente rivolto alla difesa dei diritti individuali civili e politici", avesse rivolto altrettanta attenzione "alla difesa dei diritti di gruppo di un qualche tipo, incluso
il diritto di secessione..." (A. Buchanan - SECESSIONE).
Cordialità.
Romano Redini, Lucca

----- Original Message -----
From: aurigi@libero.it
To: toscana libertaria
Sent: Saturday, December 22, 2001 10:12 AM
Subject: Ugo di Toscana

Come avrete notato sono stato assente (la certezza che la propria assenza sia stata notata è tipica dei peggiori presuntuosi) sulla questione delle celebrazioni del millenario della morte del Gran Barone, feudatario di un quinto dell'Italia ed anche oltre.
 
Il motivo è che non volevo sciuparvi la "festa", non per squisitezza d'animo, ma per timore di passare per rompiscatole bastian contrario per partito preso, più di quanto in realtà io sia. Ma ora che i festeggiamenti sono chiusi ve lo devo proprio dire: questo entusiasmo toscano degli ultimi anni per tutto ciò che ha rappresentato il buio della ragione e della libertas mi riempie di sconforto.
Firenze festeggia il liberticida Lorenzo dei Medici e la sua dispotica casata, Pistoia e Siena due papi del '600 (ma c'è stato periodo più buio in Toscana e in Italia, Galileo ce lo siamo proprio scordato?), la Toscana i Lorena ed ora anche Ugo, un feudatario di un impero barbarico (ma non durò - nel
nome della libertas signori liberali! - 2 o 300 anni la guerra dei comuni contro quel sistema? e non è durata più o meno altrettanto la lotta dei liberali - la sinistra di allora - contro quell'assolutismo regio che due o tre secoli fa aveva in Ugo, Lorenzo, Lorena, papi e imperatori i suoi fondatori e antesignani?).
 
Sia chiaro, non ho nulla contro la ricerca storica (perché questo è un fatto incontrovertibile: Ugo e gli altri sono personaggi che nella storia hanno avuto un peso), ma tra questa e la devozione ne corre di differenza! A dirla tutta io sono sempre più preoccupato, perché più il tempo passa e più ho conferme di una cosa che mi terrorizza: dopo 50 anni di demagogica ubriacatura repubblicana (resistenza, antifascismo, democrazia e via banalizzando) noi Italiani ci riscopriamo finalmente (anche noi Toscani, che ci vantiamo anarchici individualisti insolenti irriverenti mangiapreti) quelli che in realtà siamo sempre (almeno dal 1500) stati: sudditi in estatica ammirazione del proprio principe, del quale oggi sentiamo dolorosamente la mancanza.
 
Guardate, non sono incazzato, solo triste.
 
Mauro Aurigi, Siena





* * *

Questa polemica è stata pubblicata nel 2001 per la prima volta su:
Altri siti su Ugo di Toscana:
http://www.ugoditoscana.it/ il sito ufficiale del Millenario di Ugo, purtroppo rimasto incompleto e incustodito (come buona parte dei beni pubblici sotto il grigio governo del partito-stato)

* * *

Post più popolari di sempre